CICLOVIE DI PUGLIA

Sono 16 le ciclovie regionali individuate dal Piano della Mobilità Ciclistica della Regione Puglia con 172 percorsi cicloturistici previsti dal Piano regionale delle Ciclovie in Puglia. Lo sviluppo di strumenti di pianificazione nell’ambito della mobilità sostenibile ha portato sempre più pugliesi e turisti a scegliere di pedalare con lentezza tra i suoi dolci dislivelli per cogliere l’essenza di tutte le sfumature, i profumi e le bellezze del territorio. Il governo regionale, in questi anni, con uno stanziamento pari a più di due milioni e mezzo di euro e la pubblicazione di due bandi per mobilità sostenibile ha: provveduto alla sistemazione di 5 itinerari ciclabili con rotta nazionale e un itinerario della rete europea di EuroVelo; realizzato la rete di itinerari ciclabili, individuati con il Progetto Cy.Ro.N.Med che ha permesso di definire le dorsali della rete ciclabile regionale e con esso, per la prima volta, le reti ciclabili sono entrate a pieno titolo nella programmazione trasportistica della Regione Puglia; definito l’itinerario della ciclovia dell’Acquedotto Pugliese lungo e realizzato interventi strutturali lungo i 500 km del tracciato di due condotte storiche dell’Acquedotto previsto interventi di rifacimento per 454 km di ciclovia nella provincia di Bari, per 193 km nella provincia BAT, 192 km per la provincia di Brindisi, 700 km nella provincia di Foggia, 400 km nella provincia di Lecce e 243 km nella provincia di Taranto pianificato la realizzazione di piste ciclabili, corsie ciclabili, sentieri ciclabili, strade a basso/senza traffico, strade ciclabili o ciclostrade  stimolato il cicloturismo con azioni integrate con il piano strategico per il turismo regionale previsto una solida connessione con tra la mobilità ciclistica e la rete ecomuseale pugliese che conta 12 ecomusei riconosciuti (Delibera n. 674 del 24 aprile 2018) realizzato 12 strutture destinate al parcheggio delle biciclette e dotata di servizi in favore dei ciclisti (cd velostazioni), sia gratuiti che a pagamento per uno stanziamento di risorse pari a 3.300.000 milioni di euro programmato la realizzazione di servizi integrati di bike sharing, albergabici e creato convenzioni con Fiab e Trenitalia per favorire il turismo sostenibile.