PIANO STRATEGICO PER TARANTO

La città di Taranto ospiterà i XX Giochi del Mediterraneo nel 2026. Un’occasione di straordinaria importanza che contribuirà a rilanciare la città, insieme a tutte le iniziative messe in campo dalla Regione Puglia con il Piano Strategico Taranto Sviluppo Futuro. Questo Piano rientra nel Programma Annuale della Partecipazione ed è una strategia, condivisa e partecipata, che comprende gli interventi già finanziati e quelli programmati, a livello nazionale e regionale, per promuovere processi virtuosi di sviluppo locale sostenibile e per portare Taranto “fuori dalla crisi”. Il Piano prevede 138 progetti da realizzare divisi in otto assi prioritari (occupazione per lo sviluppo, impresa, formazione e ricerca, ambiente e salute, qualità urbana e della vita, mobilità e accessibilità) grazie a 28 soggetti attuatori, per un totale di investimenti finanziati pari a 1.289.321.825 milioni di euro. Le azioni contenute nel Piano intendono promuovere l’accessibilità e la connessione delle infrastrutture di trasporto, l’economia del mare, le filiere produttive, tradizionali e innovative, processi di rigenerazione urbana, bonifica ambientale e di valorizzazione del patrimonio storico, archeologico e paesaggistico; l’economia della cultura e il turismo. Tra gli interventi più significativi previsti dal Piano: Raddoppio dei servizi ferroviari offerti per la tratta Bari-Taranto sino a Nasisi e il potenziamento della stazione entro il 2022 con un investimento totale di 15 milioni di euro; inaugurazione l’8 luglio 2020 del TaLab. Stanziati 600mila euro per realizzare una struttura sperimentale in cui ingegneri e architetti avranno il compito di ridisegnare il nuovo volto della città e di accompagnarla verso i Giochi del Mediterraneo del 2026. Creazione di una piattaforma aperta alla consultazione pubblica per rendere conoscibili gli interventi previsti dal Piano e il loro stato di avanzamento; Attrazione di investimenti industriali e imprenditoriali e regimi di aiuto, diretti e indiretti (ZES Ionica) per nuovi insediamenti che permetteranno l’insediamento di 120 nuove imprese o nuovi investimenti da parte di imprese esistenti entro il 2030, con la generazione di 7.000 nuovi posti di lavoro Diffusione entro il 2026 di presidi commerciali nelle periferie e centri storici, con la creazione di esercizi di vicinato, servizi di prossimità e botteghe artigiane; Attivazione entro il 2027 del riuso di almeno 20 immobili pubblici a finalità culturali e di innovazione sociale; Creazione di 50 start-up e 10 spin-off universitari entro il 2029; Creazione di 80 nuove imprese giovanili e femminili entro il 2030; Attivazione di 50 programmi di investimento da parte di imprese esistenti e nuove imprese nel settore turistico Incremento del verde urbano pari al 9,1% annuo entro il 2030. Verifica lo stato di avanzamento degli interventi sulla mappa del Piano Strategico Taranto