SMART-In Puglia: Sostegno, Memoria, Arti, Resilienza, Territorio, Ingegno

La Puglia ha un patrimonio culturale pubblico importantissimo. Saperlo valorizzare significa comprendere il ruolo che la cultura può avere nella crescita di una società, ma anche come volano per l’economia. In questi anni di governo, la Regione Puglia ha saputo investire in cultura e con la strategia regionale SMART-In Puglia ha puntato ad affermare un nuovo modello di valorizzazione del patrimonio culturale pubblico (materiale e immateriale), mettendo al centro non il restauro dei “contenitori” in sé, ma lo sviluppo di “contenuti” di qualità che consentano di assicurare una fruizione più ampia del patrimonio, attraverso una gestione sostenibile nel medio-lungo periodo. Una visione strategica delineata nel programma di governo e volta ad investire sul rapporto beni culturali, imprese, innovazione e cultura, con un investimento di 150 milioni di euro. Nell’ambito di SMART-In Puglia sono stati realizzati tantissimi interventi, tra cui: Community Library – Biblioteche di Comunità, intese come presidi culturali, di partecipazione e coesione sociale. Azione finanziata con 120.000.000 di euro, a valere sul POR FESR PUGLIA 2014-2020 – Azione 6.7: intervento per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale. Murgia abbraccia Matera, per la valorizzazione del patrimonio culturale e paesaggistico murgiano in relazione al grande evento “Matera Capitale europea della Cultura 2019”. Azione finanziata con 1.000.000 di euro, sul POR FESR PUGLIA 2014-2020 – Azione 6.7: intervento per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale, e 700.000 euro sul Bilancio ordinario regionale, per la realizzazione di iniziative pubbliche di promozione, sensibilizzazione e valorizzazione dei manufatti identitari nell’area dell’Alta Murgia e per specifici servizi culturali a favore di bambini e ragazzi in 5 HUB nell’ambito dell’iniziativa “I Musei raccontano la Puglia”. Valorizzazione del patrimonio culturale di proprietà dei Comuni inclusi nell’Area Interna Monti Dauni. Azione finanziata con 8.060.000 di euro, sul POR FESR PUGLIA 2014-2020 – Azione 6.7: intervento per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale. I luoghi identitari della Puglia (in collaborazione con il FAI – Fondo Ambiente Italia) per la tutela e la fruizione innovativa e partecipata dei beni culturali pugliesi identitari individuati dagli studenti. Azione finanziata con 1.000.000 di euro, sul POR FESR PUGLIA 2014-2020 – Azione 6.7: intervento per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale. Valorizzazione e ampliamento della fruizione dei Beni Ecclesiastici, quale componente rilevante del patrimonio culturale pugliese. Azione finanziata con 20.000.000 di euro, a valere sul POR FESR PUGLIA 2014-2020 – Azione 6.7: intervento per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale. Inoltre sono in fase di programmazione altri interventi:  la realizzazione di Laboratori di fruizione/Empori della creatività/Teatri pubblici secondo una idea evoluta di musealità e di gestione teatrale, a carattere laboratoriale, interattiva e multimediale. la valorizzazione del Teatro Kursaal Santalucia, quale espressione del patrimonio culturale di pregio di proprietà regionale, per realizzare la “Casa delle Arti e dei Suoni”. la ricognizione, valorizzazione e gestione sostenibile di un sistema di Grandi Attrattori naturali e culturali diffuso in modo capillare sull’intero territorio regionale. I risultati raggiunti attraverso la strategia SMART-In Puglia testimoniano il grande impegno della Regione Puglia nella valorizzazione del patrimonio culturale. Sono stati, infatti, finanziati 111 interventi a favore di 123 presidi di Biblioteche di Comunità distribuiti sull’intero territorio regionale. Secondo l’UNESCO si tratta di una delle più rilevanti operazioni di “infrastrutturazione culturale” di un territorio. E ancora: sono stati attivati 5 HUB territoriali (Ruvo di Puglia, BA – Ceglie Messapica, BR – Ugento, LE – Foggia – Laterza, TA) nell’ambito dell’iniziativa “I Musei raccontano la Puglia”. 14 Beni culturali da valorizzare sono stati individuati per la fruizione culturale pubblica, ai fini dello sviluppo e della promozione dell’Area interna Monti Dauni. Infine, 49 progetti sono stati finanziati (a valere sull’Avviso “I luoghi identitari della Puglia”, in collaborazione con il FAI – Fondo Ambiente Italia) per la tutela e la fruizione innovativa e partecipata dei beni culturali pugliesi identitari individuati dagli studenti.