Costruire insieme la Puglia

Gli strumenti di partecipazione devono diventare un elemento fisso della pratica amministrativa e burocratica della regione. Michele Emiliano, negli ultimi cinque anni, ha utilizzato i progetti partecipativi non solo come azione consultiva, ma come strumento di lotta sul campo nei settori della legalità, della riqualificazione urbana, dell’impiego pubblico e della trasparenza amministrativa.

Dobbiamo fare un ulteriore passo avanti nella piena cittadinanza e autodeterminazione di ogni persona e nella effettiva parità di genere.

IN EVIDENZA

Legalità

Il ruolo della società civile è fondamentale nel percorso di contrasto a tutte le mafie. Con l’avviso pubblico Cantieri Innovativi di Antimafia Sociale, la Regione Puglia ha sostenuto la realizzazione di 27 progetti di sensibilizzazione e di educazione all’antimafia sociale, attraverso cui la cittadinanza si è attivata in azioni concrete di rigenerazione sociale e urbana. L’avviso ha coinvolto enti e organizzazioni del privato sociale, associati in ATS, ed enti pubblici destinatari di beni confiscati alle mafie. Insieme hanno sperimentato metodologie innovative per lavorare nei contesti di marginalità e di degrado urbano. Per questa iniziativa, la Regione Puglia ha stanziato 11 milioni di euro, ribadendo il ruolo della comunità – attraverso le diverse realtà associative e accanto alle istituzioni – nella promozione della legalità e nell’impegno civile.

Impiego

La stabilità lavorativa nel settore pubblico è il primo atto fondante nella collaborazione tra amministrazione e società civile nel servizio alla comunità. I piani per le assunzioni e le politiche regionali di gestione del lavoro hanno condotto a notevoli risultati: 1902 unità assunte con contratto a tempo indeterminato, 2149 operatori sanitari e 660 medici assunti per fronteggiare l’emergenza sanitaria. Ciò è stato possibili grazie alla totale assenza di criticità nel bilancio regionale. Nell’ultimo quinquennio, la Giunta regionale ha esaurito tutte le graduatorie, dando a tanti giovani un lavoro certo. In più, ha realizzato il piano di riordino ospedaliero con il completo risanamento economico della sanità pugliese. Il tutto risparmiando quasi 7 milioni delle spese a bilancio.

Un piano per Taranto

La Città dei due Mari è al centro di una grande strategia di rilancio culturale, economico e sociale. Tanti sono gli strumenti messi in campo, dal Piano strategico “Taranto futuro prossimo”, agli investimenti destinati alla cultura e alle infrastrutture, fino alla grande occasione dei Giochi del Mediterraneo 2026.. Questo Piano rientra nel Programma Annuale della Partecipazione ed è una strategia condivisa e partecipata che include 138 progetti da realizzare divisi in otto assi prioritari (occupazione per lo sviluppo, impresa, formazione e ricerca, ambiente e salute, qualità urbana e della vita, mobilità e accessibilità) grazie a 28 soggetti attuatori, per un totale di investimenti finanziati pari a 1.289.321.825 milioni di euro.

Partecipazione

Partecipare, in Puglia, è un diritto sancito da una Legge Regionale. Il percorso, avviato con la scrittura del Programma di Governo del 2015, ha già finanziato:

67 progetti proposti da associazioni investendo un milione e mezzo di euro;

la Casa della Partecipazione, un luogo stabile d’incontro tra cittadini associazioni, imprese, sindacati, formazioni sociali e istituzioni;

il portale Mano a Mano che permette ai cittadini verificare tutte le attività intraprese;

il primo Town meeting regionale con più di 160 amministratori locali a confronto sull’azione del Governo regionale in otto tavoli tematici.

LEGGI TUTTO IL PROGRAMMA

Cosa Faremo

  • Sostegno alla partecipazione delle comunità locali.

  • Consultazioni e voto elettronico.

  • Legge elettorale e revisione Statuto per la parità di genere.

  • Legge contro l’omotransfobia.

  • Agenda di genere con organismi di parità

Cosa puoi fare tu


Privacy Policy