INSERIRE QUI LA FOTO DI URBANISTICA

Rigenerare le città

In questi anni la Regione Puglia ha accolto con coraggio la sfida e la necessità di uno sviluppo urbano sostenibile, avviando interventi per migliorare le condizioni di abitabilità, il comfort e la qualità della vita delle città con particolare riguardo alle aree periferiche e ai quartieri di edilizia residenziale pubblica.

Dobbiamo portare la vivibilità delle nostre città a standard europei, valorizzando periferie e aree interne in chiave di sostenibilità.

IN EVIDENZA

Sviluppo Sostenibile

Con il bando pubblico dell’Asse XII “Sviluppo urbano sostenibile”, la Regione ha permesso alle Aree Urbane di Puglia di candidarsi a individuare una Strategia di Sviluppo Urbano Sostenibile (SISUS) che, con diverse azioni, dia soluzioni ai problemi di marginalità sociale ed economica, degrado ambientale o inefficiente uso delle risorse. Per il bando sono stati stanziati 175 milioni di euro che hanno finanziato: interventi di efficientamento energetico, piste ciclabili, percorsi pedonali, sistemi innovativi a protezione della natura, creazione di infrastrutture “verdi”. Nel 2020 sono stati stanziati altri 7,2 milioni di euro che portano a oltre 182 milioni le risorse rivolte a progetti o idee di Comuni e territori amministrati con la voglia di investire nella riqualificazione locale.

Case Popolari

Le azioni sull’edilizia pubblica hanno permesso di realizzare 730 nuovi alloggi pubblici, ristrutturare quasi 5000 immobili nell’ultimo triennio e programmare nuove costruzioni. Solo nel 2020 sono stati stanziati 80 milioni per le politiche abitative, di cui circa 40 per la costruzione di 400 nuovi alloggi, 18 per gli oneri di urbanizzazione e circa 20 milioni per l’edilizia sociale. Inoltre è stato avviato il progetto PUSH – Puglia Social Housing, un sistema digitale per monitorare la condizione abitativa pugliese, misurare i progressi sui disagio e semplificare i procedimenti amministrativi di Edilizia Residenziale Pubblica e Sociale, creando delle banche dati condivise sul patrimonio immobiliare dell’ERP- Edilizia Residenziale Pubblica e sui finanziamenti per gli interventi edilizi.

Impianti sportivi

L’ASSET PUGLIA, Agenzia regionale Strategica per lo Sviluppo Ecosostenibile del Territorio, ha prodotto un documento strategico di pianificazione sportiva per ottimizzare gli investimenti e per sviluppare un’impiantistica sostenibile. Gli investimenti sono stati importanti: dal 2016 al 2018 oltre 25 milioni sono stati spesi per progettazioni, realizzazione e recupero di impianti sportivi Comunali, sostegno agli impianti privati. Nel 2019, sono stati investiti 17 milioni di euro per il recupero dell’impiantistica esistente nella regione ed altri 50 milioni sono previsti dalla pianificazione triennale. Lo sport è stato tutelato anche nel 2020 durante l’emergenza Covid. La Regione Puglia ha stanziato 3 milioni di euro in contributi a fondo perduto per evitare la chiusura di associazioni e società dilettantistiche.

Parchi Naturali

Sono tre i fiori all’occhiello dell’opera di valorizzazione ambientale e paesaggistica portata avanti dalla gestione regionale del Presidente Emiliano. Costa Ripagnola tra Polignano e Monopoli: 550 ettari terrestri e 2.500 marini in un’area bellissima che è anche di grande interesse speleologico. Il Parco del Mar Piccolo, ricadente nei Comuni di Carosino, Fragagnano, Grottaglie, Monteiasi, San Giorgio Jonico, Statte e Taranto: 6mila ettari ricchissimi di fauna che includono un importante sito archeologico. Il Parco di Palagianello, nel tarantino, restituito alla comunità dopo l’incendio del 2017, che si inserisce nel percorso verso la creazione di un Consorzio di gestione del Parco Naturale Regionale “Terra delle Gravine”.

LEGGI TUTTO IL PROGRAMMA

Cosa Faremo

  • Piano casa, recupero di migliaia di alloggi vuoti e nuove case popolari.

  • Portare le perdite delle reti idriche a una soglia max del 10%-20%.

  • 4 milioni di alberi in più per la riforestazione urbana.

  • Ciclabili e 2000 colonnine per la ricarica auto elettriche.

  • Raccolta differenziata al 70% nei prossimi 5 anni.

Cosa puoi fare tu


Privacy Policy